Donne Over 60: Il Caffè Allontana La Depressione

Immagine Donne Over 60: Il Caffè Allontana La Depressione

Il caffé è un antitodo contro la depressione, soprattutto per le donne over 60. E’ quanto emerge da un recente studio pubblicato sulla rivista specializzata Archives of Internal Medicine.

L’indagine è stata condotta su un campione molto vasto:  50.000 inferiere over 60. Nessuna di queste lamentava sintomi legati alla depressione – clinicamente diagnosticata. Sono state seguite dal 2006 al 2014 e si è scoperto che coloro che durante la giornata bevevano regolarmente caffè o altre bevande simili hanno sviluppato una probabilità significativamente bassa di sviluppare la depressione.

In particolare, le infermiere che bevevano due tazzine di caffè al giorno hanno fatto registrare un rischio del 18%, mentre per coloro che ne bevevano tre o quattro il rischio è stato del 20%. Chi non beveva caffè ha sopportato un rischio del 32%.

In virtù di questi dati, i ricercatori hanno concluso che il consumo moderato di caffè abbassa il rischio depressione.

Non è la prima volta che il caffé viene posto al centro di ricerche e di studi. E’ già stato dimostrato scientificamente l’impatto positivo che questa bevanda ha sulle capacità di concentrazione e sulla risposta dei riflessi.

La Società Italiana dell’Alimentazione ha commentato con toni entusiastici lo studio pubblicato sulla rivista Archives of Internal Medicin. “Con questo studio si entra in un campo molto più ampio, ricco di possibilità, che riguarda la prevenzione delle malattie relative al mondo psichico, dalla depressione ad altri disturbi sia pur lievi della sfera psichica. D’altra parte, è noto da anni che la caffeina interagisce positivamente con diversi recettori, favorendo una situazione di benessere“.

Le possibilità riguardano anche coloro che vivono la depressione, e non solo chi rischia di svilupparla. L’unica riserva è rappresentata dall’assunzione di certi farmaci. “E’ noto da anni che la caffeina interagisce positivamente con diversi recettori, favorendo una situazione di benessere. Su questa base l’assunzione di caffè può assicurare qualche beneficio dal punto di vista psicologico anche al paziente depresso, al quale l’uso del caffè non è mai stato vietato o sconsigliato, a patto naturalmente che non interferisca con l’assunzione di farmaci antidepressivi”.

Ovviamente, si parla di consumo moderato. Secondo Alessandra Tavani, capo del laboratorio di epidemiologia delle malattie croniche dell’Istituto di ricerca Mario Negri di Milano, infatti, il limite da non valicare è quello rappresentato dalle quattro tazzine al giorno: “Il caffè fa un effetto leggermente maggiore nelle donne, ma il consiglio per entrambi i sessi è di non superare le tre, quattro tazzine al giorno. In alcune condizioni il consumo va ridotto. Ad esempio in gravidanza, durante l’allattamento, in chi ha la cirrosi epatica, fibrillazioni atriali, gastrite e ulcera”.

Condividi:
Aloe Living - Il Benessere al 1° Posto con Aloe Vera
Scopri i Prodotti con Aloe Vera